Questo sito utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando su questo sito, accetti implicitamente la nostra Cookie Policy.

Home

In considerazione dell’imminente inizio dei campionati open 2019, in merito a quanto in oggetto, con la presente mi preme ribadire quanto già prodotto con precedenti comunicazioni (prot. 391.17 del 5 giugno 2017 e prot. n. 418.17 del 17 luglio 2017), sul “Decreto Balduzzi” l’utilizzo dei DAE - Defibrillatori Semiautomatici Esterni - ribadito e chiarito dal Decreto Ministeriale del 26 giugno 2017, dove vengono indicate chiaramente le procedure corrette per l’utilizzo e la presenza del defibrillatore in campo.

In particolare si confermano, confidando che tutte le componenti - settore arbitrale e società sportive - ne diano seguito facendo rispettare le norme e le disposizioni imposte dal suddetto decreto e dalle Linee Guida del CONI in materia di tutela sanitaria degli atleti, le indicazioni principali per il corretto utilizzo del DAE sui campi di gara durante qualsiasi tipo di attività sportiva (parte dell’allegato E del decreto Ministeriale “Balduzzi”):

-  spetta alle Società munirsi della strumentazione richiesta (articolo 5 del decreto ministeriale del 24 aprile 2013) e formare del personale atto ad utilizzare tale strumentazione;

- Il DAE deve essere disponibile, accessibile e funzionante, posizionato ad una distanza da ogni punto dell’impianto sportivo percorribile in un tempo utile per garantire l’efficacia dell’intervento, con relativo personale addestrato all’utilizzo presente sul campo.

- La società è responsabile della presenza e del regolare funzionamento del dispositivo.

Premesso tutto ciò, quindi:

1. l’arbitro designato per la gara dovrà verificare la presenza del defibrillatore, il suo posizionamento ed il suo funzionamento;

2. l’arbitro designato dovrà verificare la presenza del personale addetto con il controllo della validità del proprio tesserino;

3. sulla distinta gara della società ospitante dovrà essere certificata la presenza del Defibrillatore Semiautomatico Esterno nonché indicato il nominativo del personale designato e abilitato all’uso;

4. l’arbitro non potrà iniziare l’incontro se anche una sola delle verifiche richieste – presenza defibrillatore e/o presenza personale addetto all’utilizzo - non sia stata possibile o abbia dato esito negativo; nel caso le condizioni imposte risultassero impossibili da soddisfare, l’arbitro dovrà annullare la gara rimettendo gli atti alla Giustizia Federale per i provvedimenti sanzionatori nei confronti della società inadempiente.

Resto a disposizione per qualsiasi ulteriore necessità e nell’occasione invio i saluti più cordiali.                                        

                                                                                                          Il Presidente

                                                                                                       Edoardo Facchetti

Scarica la comunicazione ufficiale: utilizzo defibrillatori e dispositivi salvavita